Prodotti ed Analisi

Estratti

ai sensi dell’attuale e priva di senso regolamentazione Italiana su estratti e resine contenenti CBD (inserimento in tabella medicinali stupefacienti), che danneggia fortemente sia produttori che consumatori, Greenvest SRL e Agricola Green Genetics, dichiara che tutti i prodotti venduti, se pur di estrema sicurezza e qualità,

SONO A ESCLUSIVO USO TECNICO e NON PER CONSUMO UMANO

Vi preghiamo di leggere in calce a questa pagina o a questo link, le motivazioni che ci spingono a dissentire fortemente con le decisioni prese dai nostri governanti.

CBD Cristallo Isolato 99,9%

a partire da €2000/kg

Il CBD Isolato da HempGenetics é puro Cannabidiolo nella sua forma cristallina. Ottimo come ingrediente tecnico in quanto nella sua forma piu pura. Estratto a Gubbio da Biomassa di canapa Tecnica coltivata a Gubbio, Italia.

THC FREE – NON CONTIENE THC

HempGenetics CBD Isolate is pure cannabidiol in crystalline powder form. Isolate is great to work with as an technical ingredient. Extracted in Gubbio, Italy from Italian Hemp.

ESTRATTO CBD PURO IN OLIO MCT

LISTINO PREZZI PRIVATE LABEL

5%, 10%, 15%, 20%, 25%, 30% CBD – THC FREE

Disponibile in formato da 10ml, 250ml, 500ml, 1000ml, 5000ml

Libera la potenza del CBD con i nostri oli THC Free (0,0% THC) al CBD isolato. La nostra qualitá é garanzia dei piu alti standard produttivi. Made in Italy, come tutti i nostri prodotti.

HempGenetics Isolate CBD Oil Tinctures free the power of pure CBD! CBD Isolate Oil Tinctures include 0.0% THC. When you use Hempgenetics CBD Isolate Oil Tinctures, you can be assured you’re using the highest quality CBD on the market.

Ingredients: Fractionated Coconut Oil (MCT) and Cannabidiol (CBD) from Hemp Extract (Aerial Parts)

A marchio HG o White Label

ESTRATTO CBD FULL SPECTRUM IN OLIO MCT

LISTINO PREZZI PRIVATE LABEL

5%, 10%, 15%, 20%, 25%, 30% CBD – THC 0,2%

Disponibile in formato da 10ml, 250ml, 500ml, 1000ml, 5000ml

Il nostro CBD full spectrum é un estratto contenente i principi attivi naturali della pianta in una miscela sinergica di cannabinoidi e terpeni.

THC <0,2% (DL 242/16)

Our CBD oil is a whole-plant extract containing a full spectrum of whole-plant active ingredients of naturally occurring synergistic cannabinoids and terpenes.

We strive to only deliver the highest grade products in their most pure and simple form.

Quando la follia governa una o piu Nazioni:

una rassegna di confuse idee compilata da Alessandro Rossi

Cannabis Sativa L, riconosciuto lo status di pianta officinale

Il decreto Mipaaf del 23 luglio 2020 menziona la “canapa sativa infiorescenza” a usi estrattivi tra le piante officinali assicurabili al mercato agevolato o ai fondi di mutualizzazione 2020

ne consegue: art. 2, c. 4 del D.Lgs. n. 75/2018:

Il risultato dell’attività di coltivazione o di raccolta delle singole specie di piante officinali può essere impiegato direttamente, oppure essere sottoposto a operazioni di prima trasformazione indispensabili alle esigenze produttive, consistenti nelle attività di lavaggio, defoliazione, cernita, assortimento, mondatura, essiccazione, taglio e selezione, polverizzazione delle erbe secche e ottenimento di olii essenziali da piante fresche direttamente in azienda agricola, nel caso in cui quest’ultima attività necessiti di essere effettuata con piante e parti di piante fresche appena raccolte. È altresì inclusa nella fase di prima trasformazione indispensabile alle esigenze produttive qualsiasi attività volta a stabilizzare e conservare il prodotto destinato alle fasi successive della filiera”

La coltivazione, la raccolta e la prima trasformazione delle piante officinali, sono considerate attività agricole, ai sensi dell’articolo 2135 del codice civile”.

L’olio di CBD in Italia è uno stupefacente inserito nel testo unico e nella tabella dei medicinali, sezione B.

IL MINISTRO DELLA SALUTE 
 
  Visti gli articoli 2, 13 e 14  del  decreto  del  Presidente  della
Repubblica  9  ottobre  1990,  n.  309  e  successive  modificazioni,
recante: «Testo unico delle leggi  in  materia  di  disciplina  degli
stupefacenti  e  sostanze  psicotrope  e  di  prevenzione,   cura   e
riabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza»,  di  seguito
denominato «Testo unico»; 
  Vista la classificazione delle sostanze stupefacenti  e  psicotrope
in cinque tabelle denominate tabella I, II, III e IV  e  tabella  dei
medicinali; 
  Considerato che nelle predette tabelle I,  II,  III  e  IV  trovano
collocazione le sostanze con  potere  tossicomanigeno  e  oggetto  di
abuso in ordine decrescente di potenziale di  abuso  e  capacita'  di
indurre dipendenza, e che nella tabella dei medicinali sono  indicati
i medicinali a base di sostanze attive stupefacenti  ivi  incluse  le
sostanze attive ad uso farmaceutico, di corrente impiego  terapeutico
ad uso umano o veterinario,  e  che  la  tabella  dei  medicinali  e'
suddivisa in cinque sezioni indicate con le lettere A, B, C, D ed  E,
dove sono distribuiti i medicinali in conformita' ai criteri  per  la
formazione delle tabelle di cui al citato art. 14 del testo unico; 
  Considerato che la sezione B della tabella dei medicinali include i
medicinali di  origine  vegetale  a  base  di  Cannabis  (sostanze  e
preparazioni vegetali, inclusi  estratti  e  tinture),  con  relativo
regime di fornitura con ricetta non ripetibile (RNR); 
  Considerato che le composizioni per somministrazione ad  uso  orale
di cannabidiolo ottenuto da estratti di Cannabis trovano utilizzo nel
trattamento dell'epilessia; 
  Tenuto conto che attualmente e'  in  corso  di  valutazione  presso
l'Agenzia italiana del farmaco (AIFA) una richiesta di autorizzazione
all'avvio della commercializzazione di un  medicinale,  in  soluzione
orale contenente cannabidiolo, che ha gia' ricevuto  l'autorizzazione
all'immissione in  commercio  centralizzata  da  parte  dell'European
Medicines Agency (EMA) e che  lo  stesso  medicinale  e'  controllato
attraverso un programma di uso compassionevole, notificato  all'AIFA,
per i pazienti in trattamento con sindrome di Dravet  e  sindrome  di
Lennox-Gastaut; 
  Acquisito il parere dell'Istituto superiore di  sanita',  reso  con
nota del 28 maggio 2020, favorevole all'inserimento nella tabella dei
medicinali, sezione B,  del  testo  unico,  con  relativo  regime  di
fornitura con ricetta non ripetibile  (RNR)  delle  composizioni  per
somministrazione ad uso orale di cannabidiolo ottenuto da estratti di
Cannabis; 
  Acquisito il parere del Consiglio superiore  di  sanita',  espresso
nella seduta del 4  agosto  2020,  favorevole  all'inserimento  nella
tabella dei medicinali, sezione B,  del  testo  unico,  con  relativo
regime  di  fornitura  con  ricetta  non   ripetibile   (RNR)   delle
composizioni  per  somministrazione  ad  uso  orale  di  cannabidiolo
ottenuto da estratti di Cannabis; 
  Ritenuto di dover procedere  all'aggiornamento  della  tabella  dei
medicinali, del decreto del Presidente  della  Repubblica  9  ottobre
1990, n. 309, a tutela della salute pubblica; 
 
                              Decreta: 
 
                               Art. 1 
 
  1. Nella  tabella  dei  medicinali,  sezione  B,  del  decreto  del
Presidente della Repubblica 9 ottobre  1990,  n.  309,  e  successive
modificazioni, e' inserita, secondo l'ordine alfabetico, la  seguente
categoria di sostanze: 
    composizioni per somministrazione ad uso  orale  di  cannabidiolo
ottenuto da estratti di Cannabis. 
  Il  presente  decreto  entra  in  vigore  il  quindicesimo   giorno
successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta  Ufficiale
della Repubblica italiana. 
 
    Roma, 1° ottobre 2020 

WHO: il cbd non deve essere inserito nelle tabelle dei medicinali

L’Organizzazione mondiale della Sanità (OMS) ha comunicato che «in base alle informazioni attuali un inserimento del CBD nelle tabelle internazionali dei farmaci psicotropi e narcotici non sarebbe giustificato».

La decisione è stata presa dal comitato di esperti (ECDD) che si erano ritrovati per il 39esimo meeting sulle dipendenze a Ginevra lo scorso novembre, con il fine di riesaminare per il loro potenziale di dipendenza, abuso e danno alla salute.

Causa C-663/18: CONCLUSIONI DELL’AVVOCATO GENERALE EVGENI TANCHEV presentate il 14 maggio 2020

Lo scorso 14 maggio l’Avvocato Generale Evgeni Tanchev ha presentato le proprie conclusioni nella causa C-663/18 sulla domanda di pronuncia pregiudiziale proposta dalla Cour d’Appel di Aix en Provence avente ad oggetto il potenziale conflitto tra la legislazione nazionale francese che limita l’importazione della canapa da un altro Stato Membro soltanto alle fibre e semi e la normativa comunitaria inerente l’organizzazione del mercato comune e la libera circolazione delle merci.

Secondo l’Avvocato Generale:

  1. Viene riaffermato il principio secondo cui “ogni misura di uno Stato membro idonea ad ostacolare direttamente o indirettamente, in atto o in potenza, il commercio nell’ambito dell’Unione deve essere considerata una misura di effetto equivalente a restrizioni quantitative all’importazione, ai sensi dell’articolo 34 TFUE. Pertanto, una normativa nazionale che vieta l’importazione di olio di CBD qualora esso sia estratto dall’intera pianta di canapa, e in particolare dalle foglie e dai fiori della stessa, deve essere considerata come una misura di effetto equivalente ai sensi dell’articolo 34 TFUE. Infatti, una tale normativa rende impossibile l’importazione di olio di CBD in Francia, in quanto, come indicato dal governo francese in udienza, è tecnicamente molto difficile ed economicamente non redditizio produrre CBD a partire dalle fibre e dai semi di canapa”;
  2. Anche il Reg n. 1308/2013 osta a che una normativa nazionale vieti l’importazione da altro Stato Membro di oli di CBD qualora estratto dall’intera pianta, salvo che tale normativa persegua obiettivi di interesse generale diverso da quelli coperti dal regolamento de quo.
  3. Gli artt. 34 e 36 TFUE, in cui rientrano gli oli al CBD in quanto privi di effetti psicotropi, ostano invece a normativa nazionale restrittiva alla loro libera circolazione.
Torna su